Home » Blog » Gengivite gatto: Tutto quello che c’è da sapere

Gengivite gatto: Tutto quello che c’è da sapere

gengivite gatto

La gengivite nel gatto è una malattia orale comune. La condizione può essere facilmente riconosciuta e trattata nelle fasi iniziali, ma se non viene trattata rapidamente può portare alla malattia parodontale e alla perdita dei denti.

I segni della gengivite includono arrossamento e infiammazione delle gengive, alito cattivo, sanguinamento quando si spazzolano i denti o si tagliano le unghie o gli artigli, denti allentati e recessione gengivale (quando parte del tessuto gengivale si ritira).

La gengivite è un processo infiammatorio

La gengivite è un processo infiammatorio che colpisce le arcate dentarie e in particolare le gengive. La gengivite è una malattia cronica delle gengive, che può essere dovuta a fattori quali una scarsa igiene orale o un sistema immunitario debole. I sintomi principali sono:

  • arrossamento delle gengive, gonfiore e sanguinamento quando ci si lava i denti o si mangia qualcosa
  • Un cattivo sapore in bocca (sapore amaro).

Nei casi più gravi, se non trattata, può portare alla perdita dei denti.

Come riconoscere una gengivite nel gatto?

  • Arrossamento delle gengive
  • Gonfiore delle gengive
  • Sanguinamento delle gengive
  • Alito cattivo. Nella maggior parte dei gatti, questo è un segno che qualcosa non va nella loro bocca. È anche comune vederli leccare le zampe o strofinare il muso sugli oggetti per liberarsi dell’alito cattivo. Questo tipo di comportamento può essere un segno che il gatto ha una gengivite o un’altra malattia come la parodontite.

Come curare la gengivite?

  • Pulizia regolare dei denti.
  • Controllo delle malattie dentali.
  • Usate uno spazzolino da denti, preferibilmente con setole morbide, per spazzolare i denti due volte al giorno per almeno 2 minuti a volta, assicurandovi di coprire tutte le aree della bocca e della lingua (davanti, dietro e ai lati). Non dimenticate di pulire la gengiva! Per eliminare il tartaro che si è formato sui denti, si può usare uno scaler dentale o uno spazzolino con un gel rimuovi-placca una o due volte alla settimana.
  • Anche l’uso di alimenti dentali è molto importante per la salute delle gengive!

Quali sono le cause della gengivite del gatto?

La causa principale della gengivite del gatto è la mancanza di igiene dentale. Anche se i gatti sono noti per la loro capacità di pulirsi da soli, questo non significa che non abbiano bisogno del nostro aiuto quando si tratta di spazzolarli e prendersi cura dei loro denti.

Un’altra possibile causa è una dieta che contiene troppi zuccheri o carboidrati. Questi possono portare alla carie nei gatti, che può contribuire allo sviluppo della gengivite se non trattata.

È anche importante notare che alcuni farmaci, se usati regolarmente nel tempo, possono aumentare il rischio di sviluppare malattie gengivali: I FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei), gli anticonvulsivanti, i farmaci antiparassitari e gli antibiotici sono alcuni esempi.

gengivite gatto
gengivite gatto

Come si previene la gengivite del gatto?

È possibile prevenire la gengivite nei gatti

  • Evitando lo stress. I gatti stressati o ansiosi possono sviluppare malattie gengivali perché lo stress aumenta i livelli di cortisolo, che possono portare a infiammazioni e infezioni. Se il gatto è ansioso, cercate di farlo sentire più a suo agio fornendogli un posto sicuro dove nascondersi e dormire lontano dal resto della famiglia, oltre a qualche giocattolo e bocconcino che gli piaccia.
  • Spazzolare regolarmente i denti con uno spazzolino a setole morbide progettato per i gatti (non usare mai dentifricio umano!). Questo aiuta a rimuovere la placca prima che si formi il tartaro e fornisce al vostro micio le attenzioni necessarie mentre si abitua a essere spazzolato ogni giorno! Assicuratevi di non spazzolare troppo forte, ma di massaggiare delicatamente i denti con brevi colpi in modo che non diventino doloranti o sanguinino; se vedete un po’ di rosa sulle gengive quando guardate nella sua bocca dopo averla spazzolata, significa che state facendo bene!
  • Continuare a fare controlli dentali almeno una volta all’anno con l’aiuto del veterinario, in modo che eventuali problemi come il sanguinamento delle gengive causato dall’accumulo di tartaro possano essere identificati abbastanza presto per essere trattati prima che si verifichino danni permanenti”.

Quali sono gli alimenti da evitare se il mio gatto ha la gengivite?

Se il gatto soffre di gengivite, la cosa migliore da fare è evitare di dargli da mangiare cibi duri per i denti. Ciò include crocchette secche o croccanti e persino croccantini duri che non siano al 100% a base di carne. Inoltre, evitate qualsiasi cibo che contenga aromi o coloranti artificiali. Sebbene non siano dannosi per una bocca sana, contribuiscono sicuramente all’infiammazione delle gengive in un gatto con gengivite e devono quindi essere evitati.

Conclusione

In conclusione, la gengivite è una malattia che colpisce le gengive dei gatti. Può essere grave e causare grande disagio al vostro animale domestico. La buona notizia è che può essere trattata con antibiotici o rimedi casalinghi come sciacqui con acqua salata e spazzolatura quotidiana dei denti del gatto con uno spazzolino progettato per gli animali domestici. Inoltre, è consigliabile evitare di somministrare al gatto alimenti ricchi di zuccheri o carboidrati, come le crocchette secche, perché possono contribuire all’infiammazione della bocca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *